P e d r a i l

"se c'è una birra al traguardo aspettate a darmi per disperso…"

MUTB Rosso (2018)

Obiettivo raggiunto solo parzialmente: cancelli rispettati (al pelo) ma il ginocchio mi ha di nuovo tradito dopo il 35° Km e ho dovuto camminare tutta la discesa dalla Maddalena fino al traguardo (urge visita specialistica per capire se sia solo affaticamento o se ci sia dell’altro).

Un grazie lungo quanto i 46 Km. percorsi a tutta l’organizzazione, impeccabile, e soprattutto alle “scope” che mi hanno scortato lungo il “numero 1” e mi hanno incitato a non mollare una volta arrivato in cima, per godere di una inaspettata accoglienza in Castello, nonostante il “fuori tempo massimo” raccolto.

Resta la consolazione di aver goduto di uno stupendo tramonto sulla nostra bellissima città da un punto di vista per me inedito (foto rubata dalla pagina Facebook dell’Organizzazione), il piacere di aver conosciuto persone fantastiche e di essere tornato sui monti della mia infanzia (Ucia, Dragoncello) dopo quasi trent’anni

APPUNTI DI VIAGGIO

Sul “percorso rosso” della MUTB non si scherza: si comincia subito con una lunga e discreta salita verso la Maddalena, seguita da una veloce discesa fino a San Vito dove inizia la prima delle due salite vere del percorso, ovvero quella che porterà fino al “Monte Ucia”. Bellissimi gli scorci verso la “Valle del Garza” e rinfrancante il suono della Campana a circa due terzi della salita. Quasi in vetta, un cartello ricorda che la zona, parte dell’altipiano “delle Cariadeghe” è monumento naturale. Poco dopo inizia una bella e lunghissima discesa, interrotta nella prima parte da una breve salita al monastero di San Bartolomeo a Serle e da alcuni sporadici saliscendi fino ad arrivare al famigerato “paradiso dei ristori” dove luganiga ai ferri, formaggio fuso e “zuccherini” sotto spirito rinfrancano prima del muro finale, il “numero 1” , nuovamente su verso la Maddalena. Bellissimi gli scorci verso la pianura bresciana e le cave di marmo, con i riflessi di un tramonto riservato ai “finisher” puri, che sentono il fiato sul collo delle solerti scope che incalzano poco più sotto. Arrivati in vetta si scende veloci (in teoria 🙂 ) fino in via San Rocchino, per risalire poi fino al pittoresco traguardo in Castello, grande valore aggiunto di questo stupendo “Urban Trail”.

3 thoughts on “MUTB Rosso (2018)

    1. E’ stato un piacere conoscerti di persona alla Uno di Monticelli 😉
      Prossimo appuntamento per me: Prealba, 13 Gennaio

Comments are closed.